Filone al farro

filone-al-farroIl pane buono è fatto sempre di tanta pazienza e passione per le cose buone, sono questi due ingredienti fondamentali. Io ci ho messo tantissimo di entrambe per fare questo filone al farro e infatti è venuto una vera bomba!

Appunti e precisazioni:

– Io ho utilizzato il lievito madre solido, come sempre maturo (utilizzato dopo averlo rinfrescato e dopo che è raddoppiato di volume).
– Se volete utilizzare lievito di birra, mettetene 10 grammi sciolti in un po’ d’acqua, ovviamente cambieranno i tempi di lievitazione ma come al solito dovrete aspettare il raddoppio della massa.- Questo filone potete farlo anche totalmente di farina 0, ovviamente, cambierà il sapore, ma il risultato sarà simile.

Ingredienti:

  • 300 g di farina 0
  • 200 g di farina di farro
  • 125 g di lievito madre maturo
  • 330 g di acqua
  • 15 g di sale
  • mezzo cucchiaino di malto

Preparazione:

  1. Far sciogliere il lievito in 100ml di acqua.
  2. Mischiare le farine con il lievito e il malto, e lavorare bene l’impasto (a velocità media se utilizzate la planetaria) aggiungendo acqua poco alla volta fino a completo assorbimento.
  3. Solo dopo aver ottenuto un impasto omogeneo, aggiungere il sale e far incordare bene.
  4. Una volta formata la maglia glutinica, fare riposare la pasta mezz’ora, coperta.
  5. Dare qualche giro di pieghe (le trovate qui: www.eatitmilano.it/2015/09/15/pieghe-pane/) e riporre la pasta in una bacinella ben unta di olio. Coprire con pellicola trasparente ben tesa. Forare con uno stuzzicadenti e far riposare almeno fino al raddoppio (io ho fatto lievitare, 24 ore, attenzione ad usare una farina di forza).
  6. Trascorso il tempo, prendere l’impasto, senza schiacciarlo tagliarlo in due parti, dargli la forma allungata senza maneggiarlo troppo e adagiare i due filoni su uno strofinaccio infarinato, ben distanziati. Far riposare una mezz’ora.
  7. Mettere i filoni su una placca foderata di carta forno e praticare 3 incisioni sulla superficie.
  8. Cuocere in forno già caldo a 220 gradi per la prima mezz’ora – i primi 10 minuti con un pentolino di acqua calda all’interno o avviando la funzione vapore, se l’avete -, abbassare a 200° gradi per la seconda mezz’ora circa.
  9. Sfornare e far raffreddare su una gratella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *